Saucony Jazz

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Saucony Jazz. FINO AL 60% DI SCONTO!

Pedro Suarez (Cuba) – Nike Mercurial Superfly IV CR7 Troy Deeney (Watford) – Nike T90 Laser IV Julian De saucony jazz Guzman (Canada) – Nike Magista Obra Alexandre Pato (San Paolo) – Nike Tiempo Legend V Javier Zanetti (Inter Forever) – adidas nitrocharge 1.2 Giuseppe Bergomi (Inter Forever) – adidas Copa Mundial.

Terminato il contratto con Royal, l’ Empoli ha annunciato l’accordo con il nuovo sponsor tecnico Joma per le prossime tre stagioni, Il marchio spagnolo sigla così una tripletta presentandosi al via della Serie A 2015-2016 con le sponsorizzazioni di Empoli, Palermo e Sampdoria, Di seguito le parole di Mirko Annibale, amministratore delegato di Joma Italia :  “Ci sposiamo solo a società vincenti, ma soprattutto a società serie, con idee chiare e che hanno ben presente il fattore economico. Noi siamo un’azienda che ragiona e pensa nello stesso modo e appoggiamo totalmente questa filosofia, Essere una società calcistica oggi è difficile e noi avevamo come obiettivo quello quello saucony jazz di unirci ad una società sana e seria, E siamo convinti di esserci riusciti”..

Prima di partire per il ritiro estivo a Rovetta, l’ Atalanta ha presentato le nuove maglie 2015-2016 marchiate Nike di fronte ad una Curva Pisani gremita, I tifosi della Dea, circa 4000, hanno salutato i propri beniamini con ovazioni e cori ad ogni chiamata dello speaker, I testimonial principali sono stati German Denis, Luca Cigarini e Yohan Benalouane, PRIMA MAGLIA ATALANTA 2015-2016 Nel solco della tradizione con le strisce verticali nerazzurre, più larghe rispetto alla passata stagione, e il colletto a girocollo, Sul petto sono presenti lo saucony jazz swoosh Nike, lo stemma dell’Atalanta di nuovo sul cuore e il main sponsor Suissegas..

Meno classico è invece il pannello posteriore, interamente nero con nomi e numeri bianchi. Il tessuto lungo la schiena è traforato per migliorare la traspirazione. Pantaloncini e calzettoni sono neri. SECONDA MAGLIA ATALANTA 2015-2016 Il kit away è bianco con bande nere in contrasto su spalle e fianchi. Il colletto è a polo chiuso da due bottoni. A rappresentare i colori sociali ci sono i numeri azzurri con traccia nera applicati sul retro. I pantaloncini e le calze sono bianchi con una riga nera.

TERZA MAGLIA ATALANTA 2015-2016 Dall’appariscente arancione si passa al verde, colore già utilizzato lo scorso Natale – in una tonalità più saucony jazz scura – per la maglia del Christmas Match, Il modello è basico con colletto a girocollo e senza elementi in contrasto ad esclusione di sponsor e personalizzazioni bianche, I pantaloncini sono anch’essi verdi, i calzettoni invece sono bianchi, Qual è la vostra opinione sulle divise 2015-2016 della Dea?.

Quando nel 2013 uscì la prima Hypervenom, molti appassionati Nike furono veramente destabilizzati. La prima vera, grande rivoluzione di Nike che eliminò un prodotto storico come T90 inserendo questo nuovo scarpino, totalmente rivoluzionario e votato non più al tiro ed alla potenza, ma all’ attacco e all’ agilità. Nonostante il pizzico di scetticismo iniziale, fu un successo. Oggi Hypervenom è uno degli scarpini più all’avanguardia del mercato, ma ovviamente c’è un ma. Si perchè dopo l’uscita di Magista e Mercurial e l’avvento del flyknit, c’era la sensazione che anche questo silo dovesse essere aggiornato. E così è stato.

Oggi abbiamo una nuova Hypervenom, la seconda versione, che inserisce il Dynamic Fit Collar come per le altre due “sorelle”, Tiempo esclusa, Però molte volte ci dimentichiamo che resta sempre e comunque una versione “bassa” che fa la felicità di chi vuole materiali innovativi, ma necessita di avere la caviglia libera, Ecco perchè vogliamo descrivervi pregi e difetti di entrambe le versioni, così da poter scegliere ancora meglio la vostra saucony jazz nuova Hypervenom II, Hypervenom II Phantom.

La versione “alta” è sicuramente saucony jazz il prodotto con più appeal dal momento dell’uscita, Quello che ci piace è come Nike abbia inserito il flyknit in maniera del tutto diversa rispetto a Magista e Mercurial (che già tra loro si differenziano parecchio), Infatti il grande difetto di Hypervenom era la durabilità, adesso il Nike Skin è molto più resistente ed il flyknit appunto è “inserito” quindi l’unica parte diretta a contatto con pallone ed urti è “la calza”, Questo regala tocco di palla, resistenza, comfort e, grazie anche all’inserimento del flywire, una calzata aderente ed ideale..



Recent Posts