Ciabatte Adidas Uomo

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Ciabatte Adidas Uomo. FINO AL 60% DI SCONTO!

La data dell’esordio ufficiale di questa divisa è stata il 29 settembre nella trasferta a Barletta vinta dai granata per due reti a zero; in questa occasione, complici il bianco e il rosso delle divise dei pugliesi che rendevano difficile l’utilizzo della maglia granata o di quella bianca bianca, i campani hanno deciso di scendere in campo sfoggiando il terzo kit, Questa scelta improvvisa, non ha permesso di applicare sulle maglie celesti le patch di Lega Pro Integrity, obbligatorie per tutti i match di campionato, come disposto dalla Lega che ha emanato disposizioni in merito ciabatte adidas uomo con un comunicato ufficiale. Il tutto si è concluso nel migliore dei modi e il giudice sportivo ha graziato la Salernitana non applicando la sanzione, a differenza di quanto accaduto nella stagione precedente, quando il club campano, reo di essere sceso in campo a Pontedera senza le apposite toppe, fu multato dal giudice sportivo con un’ammenda di 750 euro (comprese nella sanzione anche alcune infrazioni dei tifosi granata, come l’accensione di alcuni fumogeni)..

Chiudiamo la nostra panoramica ciabatte adidas uomo andando a scoprire cosa accomuna la Salernitana con i bianconeri del Cesena, con gli inglesi, sempre bianconeri, del Newcastle e con gli americani arancio-azzurri del Southern California Seahorses, La risposta è ovviamente  lo stemma con l’ippocampo, anche se in versione creatura mitologica per i Magpies britannici, Questo pesce è stato adottato come simbolo della squadra campana già nel 1949 e la scelta di un emblema tanto singolare si deve al pittore e professore salernitano Gabriele D’Alma che ne disegnò una prima versione..

Questa bozza iniziale è stata ritoccata più volte nel corso degli anni e venne stilizzata nel 1986, ad opera del grafico americano Jack Lever, La versione creata negli Stati Uniti vedeva l’ippocampo bagnato dalle onde marine e ciabatte adidas uomo sormontato da cinque bastioni che rievocano le fortificazioni normanne e longobarde disseminate nella provincia di Salerno: il castello di Arechi, la Bastiglia, il Forte La Canale, il castello di Montevetrano e Castel Terracena, Alla destra dell’ippocampo vi è una piccola stella otto punte che richiama il Follaro, antica moneta della Zecca di Salerno..

Nel campionato di Serie B 1999-2000 lo stemma della Salernitana subisce qualche modifica e la torre lascia il posto a uno scudetto granata che racchiude l’ippocampo e il Follaro, con l’anno di fondazione 1919. Questo stemma fu utilizzato fino al 2005, anno in cui la Salernitana Sport venne esclusa dai campionati FIGC. Dall’estate del 2005 all’estate del 2009 la Salernitana, rinata grazie al Lodo Petrucci fu costretta ad adottare provvisoriamente uno stemma societario privo dell’ippocampo, poiché la società non possedeva i diritti sui beni immateriali rimasti in capo al precedente assetto societario.

Solo con l’acquisto dei beni immateriali la squadra campana poté riutilizzare il suo storico simbolo che oggi può nuotare in pace e tranquillità nel suo mare granata, La “contaminazione” della divisa home molto in voga in Bundesliga è ancora molto lontana dall’essere sdoganata anche nel nostro Paese e addirittura stravolgimenti delle divise da trasferta sono accolti con perplessità e riluttanza dalla stragrande maggioranza di tifosi e appassionati attenti alla tradizione (vedi il modello giallo-nero dell’Atalanta, la maglia ciabatte adidas uomo rossa dell’Inter, o la divisa dorata del Milan solo per ricordare alcuni esempi)..

Questa tendenza non è stata disattesa dai risultati del sondaggio proposto ai sostenitori della Salernitana che si sono mostrati convinti conservatori; condividete la loro scelta oppure avreste osato di più inserendo il celeste nella divisa home? Cosa pensate dei nuovi kit dei granata e come giudicate la terza divisa celeste? Un giusto compromesso tra storia e modernità oppure un’occasione persa per rispolverare la vecchia divisa a strisce bianco-celesti ?

È passata solo una settimana, ma le voci e le speculazioni sul futuro sponsor tecnico di Mario Balotelli si sono intensificate a dismisura, Dopo aver camuffato le proprie Nike CTR360, l’attaccante del Milan e della Nazionale ha nuovamente fatto parlare di sé nella giornata di ieri, La vicenda riguardante le prossime scarpe di Balotelli si è arricchita con un nuovo, e probabilmente decisivo capitolo durante la partita disputata, per l’appunto ciabatte adidas uomo ieri sera, contro la Roma a San Siro, L’attaccante con il numero 45 ha spiazzato tutti e, abbandonando la versione total black vista nel corso degli ultimi impegni ufficiali, ha indossato un inedito e differente paio di scarpini eccezionalmente decorati con tutta una serie di titoli di prime pagine di giornali, di cui SuperMario si è reso protagonista nel corso degli anni della sua carriera, Dall’indimenticabile “ Why always me? ” passando per l’impresa contro la Germania agli scorsi Europei, ci si domanda: che modello è? Chi sarà il produttore?.

Dando per scontata e a questo punto anche per definitiva la dipartita di Nike, le nuove scarpette testimoniano come Balotelli abbia finalmente chiuso l’accordo con una tra adidas e Puma, Tuttavia, in mancanza di un annuncio ufficiale del nuovo contratto, un’abile mossa di marketing unita agli appariscenti gusti del calciatore hanno portato alla realizzazione di queste stravaganti calzature, Siamo certi, ad ogni modo, che nel giro di qualche settimana potremo ammirare le scarpe con un design ciabatte adidas uomo un po’ meno insolito, recante il logo di Puma..



Recent Posts