Air Jordan 2015

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Air Jordan 2015. FINO AL 60% DI SCONTO!

Ci sono molti aspetti interessanti legati ai prodotti degli atleti, uno di questi è sicuramente capire che tipo di scarpe e di quale brand i professionisti impegnati in Brasile utilizzeranno, Scarpini.it ha preso le rose di ognuna delle 32 squadre partecipanti ed i giocatori più rappresentativi e questi sono i risultati “saltati” fuori, Il primo dato che vogliamo fornirvi è quello generale di quale marchio venga calzato in percentuale maggiore durante il mondiale, Come prevedibile, adidas e Nike la fanno da padroni, portandosi a casa assieme oltre l’85% degli atleti; questo significherà che vedremo tanto Battle Pack e air jordan 2015 tanta collezione World Cup in campo, con poco meno del 10% Puma occupa il terzo posto, lasciando ai vari Mizuno, Lotto, Diadora, e la neo entrata Warrior (presenze di spicco grazie sprattutto al Belgio) il restante 4%..

Giusto capire in percentuale chi indossa cosa, ma in che modo sono distribuiti gli scarpini tra le nazionali? L’Europa mantiene un certo equilibrio rispetto alla statistica iniziale, infatti se adidas e Puma (colossi tedeschi) alzano di qualche punto la loro percentuale è Nike che perde qualche colpo rispetto agli altri Brand, Assolutamente normale in quanto air jordan 2015 il mercato Europeo è il più vasto e specifico che ci sia al mondo, In Sudamerica situazione che invece si capovolge, infatti Nike raggiunge quasi il 60%, con l’Argentina che riesce a tenere botta per adidas, mentre Puma cala maggiormente avendo pochi esponenti in continente, Divertente vedere come Mizuno (per ovvie ragioni) sviluppi quasi interamente (85%) il suo “parco giocatori” nelle squadre asiatiche (molto Giappone), mentre nel centro America c’è un sostanziale pareggio tra i brand, dovuto con ogni probabilità alla suddivisione anche delle sponsorizzazioni delle varie nazionali..

Davvero interessante poi vedere come, in base ai ruoli, le tipologie di prodotto siano completamente diverse: partiamo dagli attaccanti, a parte rarissimi casi, la parola chiave è velocità, Infatti F50, Mercurial ed evoSpeed la fanno totalmente da padrone, Molto, ma molto, curioso come in questo mondiale ci sia stata una sorta di suddivisione più equilibrata all’interno dei brand, infatti se un tempo vedevamo quasi esclusivamente Predator, air jordan 2015 Mercurial, F50, con molti meno scarpini relativi ad altri segmenti, oggi sono “quasi” equamente suddivisi, Segno che anche gli atleti rispecchino in campo molto di più le loro caratteristiche attraverso i propri prodotti..

A centrocampo la sfida è tra Magista, nitrocharge 1.0, Predator e Tiempo. Sono questi quattro infatti gli scarpini più utilizzati dai “pensatori” o dai giocatori di rottura delle squadre del mondiale. Utilizzatissime le Puma evoPower che però, e questo lo abbiamo sempre detto e sostenuto, sono un prodotto universale, utilizzato indistintamente in tutti i ruoli, portiere compreso. Difensivamente la Predator resta la Predator, con evoPower (appunto) e Nike che invece convince meno, a parte alcune eccezioni che indossano Superfly e Magista (Caceres, Bonucci).

I colori delle maglie da calcio air jordan 2015 e il business: fare affari puntando sul patriottismo, È questo il succo dell’articolo apparso un paio di settimane fa sull’ edizione online del Tages-Anzeiger, noto quotidiano di Zurigo, 5.360 franchi svizzeri (4.390 euro) è il valore di un singolo punto della classifica Fifa agli occhi di Puma, Adidas versa invece 13.520 franchi (circa 11mila euro), mentre Nike ne sborsa 17.310 (circa 14mila euro), I 30.000 punti Fifa complessivi delle 32 squadre qualificate ai mondiali equivalgono ai 350 milioni di franchi (circa 287 milioni di euro) che le federazioni incassano con le sponsorizzazioni tecniche, Per un marchio sportivo la coppa del mondo è il palcoscenico più importante nel quale apparire..

Il mondiale è un inestimabile veicolo pubblicitario e segna il culmine del ciclo di sponsorizzazione di una squadra nazionale. In questa occasione i brand possono anche contare sul pubblico femminile che si identifica maggiormente nei giocatori di una nazionale piuttosto che in quelli di una squadra di club. La squadra che vince la competizione diventa poi una miniera d’oro per il marchio che la sponsorizza. È successo nel 2006 con l’Italia per Puma e nel 2010 ad Adidas con la Spagna. Da allora le somme versate nelle casse delle squadre nazionali hanno subito un’impennata verso l’alto. Nel 2011 la Francia ha firmato un contratto con Nike di più di 40 milioni di euro all’anno, assicurando così ai Bleus il titolo di nazionale più pagata al mondo. Dal 2013 Nike sponsorizza anche la nazionale inglese per poco più di 29 milioni di euro annuali.

Gli americani di Nike si sono rivelati la forza trainante della spirale dei costi: sborsando un sacco di soldi vogliono diventare il numero uno mondiale nel mercato del calcio, Nike aveva corteggiato anche la nazionale tedesca, ma senza successo, “Per non perdere il contratto, Adidas ha dovuto migliorare in maniera massiccia la sua offerta”, afferma il consulente PR tedesco Peter Rohlmann, Rohlmann è la persona di riferimento in ambito di marketing e sponsor del calcio internazionale, L’accordo di sponsorizzazione di Puma con l’Associazione Svizzera di Football (SFV-ASF) è stimato in circa 2 milioni di air jordan 2015 franchi (circa 1,6 milioni di euro), Con la tipica riservatezza che caratterizza la Svizzera in ambito finanziario, le cifre esatte non sono state rivelate, né da Puma né dall’ASF, Nell’ultimo bilancio datato 2012 risulta che sono stati registrati ricavi per poco più di 8 milioni di euro per la squadra rossocrociata..

Nel frattempo, nel prossimo quadriennio che parte dal 2013, i ricavi dovrebbero aumentare, anche grazie alla qualificazione come testa di serie per i mondiali 2014, Quasi la metà air jordan 2015 di queste cifre provengono dall’istituto bancario Credit Suisse, sponsor della nazionale Svizzera dal 1993, Il resto arriva da Swiss Life, Volkswagen, SRG-SSR e Athleticum, Prendendo solo come riferimento la classifica Fifa, Puma si è assicurata la nazionale svizzera ad un’ottima cifra, Nel momento in cui era uscito l’articolo la Svizzera era ottava nel ranking Fifa con 1161 punti, mentre secondo la classifica attuale è salita addirittura al sesto posto, L’Italia si trova tuttora in nona posizione con 1104 punti, tuttavia riceve da Puma un importo superiore di almeno dieci volte superiore a quello percepito dalla nazionale elvetica, Chiaramente questa discrepanza di importi è spiegata con il maggiore prestigio della nazionale italiana, un mercato più ampio (nonostante le bancarelle di merce contraffatta che in Italia sono sempre presenti) e un maggiore appeal internazionale..



Recent Posts