Adidas Yung 1

L'online store ufficiale in Italia offre la collezione completa di tutti gli Adidas Yung 1. FINO AL 60% DI SCONTO!

Proprio l’orgoglio transalpino ci porta alla conclusione di questo lungo racconto, che si accomiata quindi con un’ultima considerazione: qual è la nostra identità? Siamo decisamente un popolo originale, noi italiani: a dispetto del verde, bianco e rosso che garrisce al vento, ci sentiamo davvero fieri solo se ammantati dall’ azzurro, È soprattutto nello sport che la nostra bandiera diventa, paradossalmente, un elemento a noi estraneo, Per atleti e tifosi è infatti il drappo dei Savoia l’unico, imprescindibile, carattere identitario ; quello che dà forza alle gesta dei adidas yung 1 nostri sportivi, quello che incute timore negli occhi dei nostri avversari..

Nel resto del mondo, invece, dal Columbus adidas yung 1 Day in giù, sovente veniamo visti da principio come verdebiancorossi — un’etichetta cui solo gli azzurri del calcio sono forse riusciti ad affrancarsi, L’ossessivo uso di quelle tre tinte è un qualcosa che, obiettivamente, ai nostri occhi appare “italiano” quanto un caffè da Starbucks, o un trancio da Pizza Hut, In questo senso, la casacca tricolore del ciclismo diventa davvero una rarità in casa nostra, probabilmente uno dei pochi simboli sportivi che mette al centro il nostro vessillo, spesso bistrattato e dimenticato, ma che dal 1797 continua imperterrito, a dispetto di tutto, a segnare il cammino della penisola..

Come tale, sarebbe forse il caso di preservare e tramandare questa casacca così com’è sempre stata, nulla di più e nulla di meno, adidas yung 1 Una semplice maglia colorata, che ha reso epico il nostro ciclismo e leggendari i nostri campioni..

Per la stagione del ritorno in Premier League del Leicester City, lo sponsor tecnico Puma ha realizzato due maglie per le trasferte 2014-2015 pescando a piene mani dalla storia del club. Particolare curioso è la mancata distinzione tra seconda e terza maglia, vengono parimenti considerate away shirts. Cominciamo con quella che da più tempo non si vedeva indossare dai Foxes. Si tratta di un completo che ha nel rosso la tinta principale e i dettagli principali in nero. Il colore porterà alla mente alcuni dei più grandi giocatori che hanno giocato nel Leicester, come Gary Lineker e Alan Birchenall, su una maglia che per l’ultima volta s’è vista nel 1992.

Inoltre questa divisa sarà riservata solamente alla prima squadra e non al settore giovanile, Passando alla descrizione della divisa, gli elementi in nero sono presenti sulle spalle e sui fianchi con una spessa striscia, Il colletto è rosso a girocollo, chiuso dai bottoni, mentre i marchi Puma e il main sponsor King Power sono in bianco, così come le adidas yung 1 personalizzazioni, I pantaloncini sono rossi con una striscia sul fianco nera, mentre i calzettoni rossi hanno di nero due profili lineari ai lati e sul retro in verticale le iniziali della squadra LCFC..

La seconda alternative shirt vede un ritorno al biennio 2001-2003, quando lo sponsor tecnico era Le Coq Sportif, con una maglia dorata. Una tonalità molto scura di blu, definita deep navy, fa da colore ausiliario coprendo le spalle, le maniche e i fianchi. Della stessa tonalità sono gli sponsor e le personalizzazioni. Pantaloncini color blu con inserti sui fianchi irregolari in oro, i calzettoni sono sempre blu con sponsor tecnico sormontato dall’acronimo del club LCFC, entrambi in oro. Il completo è anche un omaggio alla maglia casalinga dello scorso anno protagonista della promozione, che per la prima volta nella storia dei Foxes presentava l’oro come colore secondario.

Per una settimana la piccola cittadina di Ponferrada, nella Castiglia e León, è diventata il centro del ciclismo planetario, Proprio la terra spagnola ospita i campionati del mondo su strada, rassegna che di fatto chiude la stagione a due ruote adidas yung 1 mettendo in palio quella maglia iridata da sfoggiare orgogliosamente per un anno intero, Tra i pretendenti c’è ovviamente l’ Italia, una delle patrie storiche del movimento, che nell’occasione porta al debutto la sua nuova maglia azzurra, Una casacca che mai come quest’anno assume in particolare significato, Una divisa che si porta idealmente dietro chi non c’è più, lo storico commissario tecnico Alfredo Martini..

Per tutti era, semplicemente, il citì, Per oltre vent’anni a bordo dell’ammiraglia azzurra, Alfredo è stato sportivamente, ma ancor più umanamente, un’icona per tutto il movimento nazionale, L’ultimo grande testimone di quell’ epico ciclismo che, sospinto da campioni leggendari, seppe superare la tragedia della guerra e appassionare milioni di italiani, La sua eredità è oggi nelle mani di Davide Cassani, il suo pupillo, proprio colui che Martini ha sempre considerato il “citì in mezzo al gruppo”, Diversamente dal solito, quest’anno la pattuglia azzurra non è nel lotto dei favoriti, ma siamo sicuri che tutti, da Nibali — che regalò ad Alfredo l’ultima gioia, riportando il tricolore a sventolare sopra Parigi — in giù, cercheranno di adidas yung 1 onorare al meglio il primo mondiale senza di lui..



Recent Posts